Regole basic sull’abbigliamento: piccoli consigli per essere sempre perfetti e non sbagliare

Piccoli consigli per non sbagliare le “regole” basic dell’abbigliamento, indossare al meglio i propri capi d’abbigliamento e non risultare mai inopportuni.

  • La camicia di una donna può avere sbottonati non più di due bottoni: la camicia è simbolo di eleganza ed è un elemento chic. Più di due bottoni pronuncerebbe troppo la scollatura e la camicia perderebbe di tutto il suo charm.
  • Un abito può esser molto corto, ma se presenta anche una scollatura pronunciata risulterà volgare: optate per una minigonna con una maglietta senza scollatura, o una scollatura pronunciata ma una gonna lunga o un pantalone.
  • Una canottiera non è indicata per le occasioni formali o per il lavoro: le spalle devono essere coperte.
  • Ad un matrimonio l’abito lungo si preferisce per le cerimonie di pomeriggio e sera. Per le cerimonie di mattina è preferibile indossare un abito al ginocchio. Non indossare mai nulla di bianco.
  • I cardigan devono arrivare almeno all’inizio del pantalone, non deve vedersi la pancia o pelle scoperta: se sono più corti, mettete una maglia lunga sotto.
  • E’ scontato dirlo, ma la biancheria non dovrebbe mai vedersi: gli slip non dovrebbero mai uscire dai pantaloni e le spalline del reggiseno, soprattutto in estate, non dovrebbero mai vedersi: se indossate canottiere, preferite reggiseni a fascia o di quelli adesivi.
  • Non indossare mai due o più stampe, soprattutto se diverse. Si possono indossare due stampe dello stesso colore o due stampe coordinate di diversa misura. E’ preferibile tuttavia una stampa ed un monocolore coordinato in linea con il colore principale della stampa.
  • Per quanto riguarda gli accessori, abbinare tutto non è mai chic: si possono abbinare orecchini e bracciale, bracciale e collana o collana ed anello, ma abbinare tutti e 4 gli elementi risulterà troppo …. troppo.

Rispondi